domenica 28 luglio 2013

Mal-Educazione Automobilistica


Il rientro dalle vacanze, si sa, è sempre difficoltoso per tutti e per un mucchio di motivi.
  1. Se hai finito le vacanze significa che devi tornare al lavoro... e questo già di per sé sarebbe sufficiente per trasformarti in una scimmia urlatrice...
  2. Come se non bastasse devi fare i conti con il fatto che hai passato un lungo (beh, lungo... diciamo un paio di settimane) periodo di tempo esclusivamente con la tua famiglia, cosa che succede solo in vacanza senza le interferenze della vita quotidiana, e devi metabolizzare le lacrime della tua cucciola mentre ti dice "Papà, io non voglio tornare a casa...".
  3. Sei anche riuscito a dedicare del tempo a te stesso leggendo, scrivendo o semplicemente nulla-facendo in spiaggia.
  4. Infine se il viaggio d'andata profuma già di vacanza ed è un piacere affrontarlo, quello di ritorno ha una puzza orripilante.
Tutto questo senza aggiungere le eventuali complicanze...
Il caldo torrido.
Il traffico bestiale.
Le code chilometriche.

Poi ti ritrovi in fila davanti al casello e l'unico pensiero che hai in testa guardandoti intorno è che tutti i maleducati del mondo si sono concentrati lì. Quasi fosse un flash mob. 
Ecco la scena.
Ci sono un mucchio di autoveicoli, ma le regole su come incolonnarsi a seconda della tipologia di pagamento sono visibili e comprensibili già da chilometri, prima ancora che la fila si formi.
Tu scegli la tua corsia, ti metti in fila e pazientemente aspetti.
Dopo qualche minuto si scatena l'inferno!
Le auto impazzite arrivano e si infilano in ogni pertugio vuoto che riescono a trovare, a prescindere dalla tipologia di pagamento segnalata.
Poi cercano tutte di raggiungere la loro meta, anche se si trova in un'altra coda o due/tre/quattro colonne più in là. Oppure provano ad abbreviare i tempi di attesa cambiando continuamente fila. 
Il tutto senza nessun rispetto per le regole della strada o delle persone che stanno loro intorno.

Ecco perché parlo di Mal-Educazione.
Intanto se stai guidando un autoveicolo significa che hai frequentato la scuola guida e sei quindi stato Educato alle regole della strada. 
Quindi non puoi essere In-Educato.
Mi rifiuto di credere che tutte le persone presenti non guidassero da anni.
Non posso allora classificarli come Dis-Educati.
Restano allora solo Mal-Educati.

Mentre la scimmia urlatrice che c'è in me esprimeva tutto il suo disappunto per la situazione (e dopo 5 ore e mezza di viaggio credo che qualsiasi scimmia diventerebbe urlatrice, anche una afona!) la mia parte di cervello deputata al ritorno alla normalità professionale ha cercato di osservare la situazione da un punto di vista pedagogico.

Ma le urla della scimmia e il gran caldo hanno evitato che la metafora di un mondo senza regole diventasse il punto 5 dell'elenco di ciò che rende difficoltoso il rientro dalle vacanze.

In fondo non ero ancora arrivato a casa.
La vacanza non era ancora ufficialmente terminata.